martedì 30 agosto 2016

AVVOLTOI: NEANCHE I FUNERALI VOLEVANO DARE ALLA POPOLAZIONE DI AMATRICE - ripubblichiamo il comunicato fatto subito dopo il terremoto

Con profondo dolore esprimiamo forte solidarietà alle popolazioni colpite dal gravissimo terremoto.

Ma non possiamo esimerci dal denunciare ancora che la gran parte delle morti e delle distruzioni per le masse popolari sono causate dalle politiche dei governi che tagliano sempre sulle spese per la sicurezza e salute delle popolazioni, sui mezzi di soccorso che arrivano sempre in ritardo.
Mentre quando accadono queste disgrazie padroni e loro rappresentanti nel governo si "sfregano le mani" sul sangue dei morti al pensiero dei profitti e ruberie sulla "ricostruzione".
Quanto risultano ipocrite le parole di cordoglio di Renzi e compagnia che fino a ieri con la Merkel della Germania e con Hollande della Francia discutevano di potenziare invece le politiche per la guerra imperialista/difesa dell'Europa, per la "crescita economica", cioè più soldi per i padroni invece che per lavoro e spese sociali, e leggi sempre più antioperaie e antipopolari, con attacchi sempre più pesanti ai diritti sociali, di immigrati, per continuare con le loro politiche razziste e moderno fasciste, ribadendo su questo la "collaborazione" col regime fascista genocida Erdogan/Turchia...
Ma solo la denuncia non può bastare...
Occorre lottare e organizzarsi di conseguenza e in ogni battaglia specifica che si porta avanti, guardare alla lotta piu' generale contro il governo dei padroni e dei profitti del capitale per cui la vita delle masse popolari non conta proprio nulla ...

Slai cobas per il sindacato di classe - coordinamento nazionale

24 agosto 2016

Una importante lotta, dei lavoratori delle campagne immigrati della provincia di Foggia, da sostenere ed estendere


RIPORTIAMO ALCUNI COMUNICATI DI UNA DELLE FASI ALTE DELLA LOTTA DI GIOVEDI' SCORSO

"Vogliamo informarvi che al momento circa 400 lavoratori delle campagne della provincia di Foggia stanno bloccando il passaggio dei camion all'ingresso della Princes (zona industriale di Foggia - Borgo incoronata) , la più grande fabbrica di trasformazione del pomodoro d'Europa, che fattura tre miliardi all'anno sulle spalle dei lavoratori. Con la solidarietà che molti camionisti stanno dimostrando, rimarremo in blocco fino a quando non otterremo l'apertura di due tavoli istituzionali, su permessi di soggiorno e condizioni di lavoro di braccianti e trasportatori. A tre ore dall'inizio dello sciopero le istituzioni locali e il governo centrale continuano a non dare un minimo di risposte di fronte alle rivendicazioni dei lavori su rispetto dei contratti e condizioni di vita e lavoro degne.

Basta ricatti, documenti e contratti! We need yes!

3661299942
Comitato lavoratori delle campagne
Rete Campagne in Lotta"
 "Si è concluso il blocco dei lavoratori delle campagne davanti alla Princes, ma la loro lotta non si ferma. Oggi è stata una grande giornata: 400 lavoratori delle campagne hanno scioperato e bloccato per oltre sei ore la trasformazione del pomodoro a Foggia. Le due grandi aziende della zona industriale, la Futuragri e la Princes, non hanno potuto lavorare il pomodoro né far uscire dalle fabbriche conserve e pelati. Molti i camionisti solidali con la lotta, visto il trattamento che ricevono dall'azienda. Questo è solo l'ultimo capitolo di una mobilitazione che prosegue dallo scorso settembre, e che pretende la regolarizzazione di tutti i lavoratori senza permesso di soggiorno e il rispetto dei contratti collettivi. Grazie al blocco, i lavoratori hanno ottenuto un impegno da parte dell'associazione nazionale delle industrie conserviere (ANICAV) a partecipare ad un incontro in cui pretenderemo che riconoscano le loro responsabilità nel garantire il rispetto dei diritti contrattuali, e un incontro con il questore riguardo ai permessi di soggiorno. Dal canto suo, il governo preferisce trincerarsi dietro ad un muro di silenzio. Siamo consapevoli che questo è solo l'inizio, ma oggi è una giornata storica per la lotta dei braccianti! Dalle campagne, WE STILL NEED YES!!

Comitato Lavoratori delle Campagne
Rete Campagne in Lotta
Solidaria Bari"

giovedì 25 agosto 2016

CON PROFONDO DOLORE ESPRIMIAMO FORTE SOLIDARIETA' ALLE POPOLAZIONI TERREMOTATE



CON PROFONDO DOLORE  ESPRIMIAMO FORTE SOLIDARIETA' ALLE POPOLAZIONI DELLE REGIONI DEL CENTRO-ITALIA COLPITE DAL GRAVISSIMO TERREMOTO...
MA NON POSSIAMO ESIMERCI DAL DENUNCIARE ANCORA CHE LA GRAN PARTE DELLE MORTI E DELLE DISTRUZIONI PER LE MASSE POPOLARI SONO CAUSATE DALLE POLITICHE DEI GOVERNI CHE TAGLIANO SEMPRE PER I LORO PROFITTI SULLE SPESE PER LA SICUREZZA E SALUTE DELLE POPOLAZIONI, SUI MEZZI DI SOCCORSO CHE ARRIVANO SEMPRE IN RITARDO... , MENTRE QUANDO ACCADONO QUESTE DISGRAZIE SI "SFREGANO LE MANI" SUL SANGUE DEI MORTI AL PENSIERO DEI GUADAGNI E RUBERIE SULLA "RICOSTRUZIONE"

QUANTO RISULTANO IPOCRITE LE PAROLE DI CORDOGLIO DI RENZI E COMPAGNIA CHE FINO AD IERI CON LA MERKEL DELLA GERMANIA E CON HOLLANDE DELLA FRANCIA DISCUTEVANO DI POTENZIARE INVECE LE POLITICHE PER LA GUERRA IMPERIALISTA/DIFESA DELL'EUROPA, PER LA "CRESCITA ECONOMICA", CIOE' PIU' SOLDI PER I PADRONI E LEGGI SEMPRE PIU' ANTIOPERAIE E ANTIPOPOLARI CON ATTACCHI SEMPRE PIU' PESANTI AI DIRITTI SOCIALI, DI IMMIGRATI PER CONTINUARE CON LE LORO POLITICHE RAZZISTE E MODERNO FASCISTE, RIBANDENDO IL SOSTEGNO ALLA "COLLABORAZIONE" DEL FASCISTA GENOCIDA ERDOGAN/ TURCHIA...
MA SOLO LA DENUNCIA NON PUO' BASTARE... OCCORRE LOTTARE E ORGANIZZARSI DI CONSEGUENZA E IN OGNI BATTAGLIA SPECIFICA CHE SI PORTA AVANTI, GUARDARE ALLA LOTTA PIU' GENERALE CONTRO IL GOVERNO DEI PADRONI E DEI PROFITTI DEL CAPITALE PER CUI LA VITA DELLE MASSE POPOLARI NON CONTA PROPRIO NULLA ...

SLAI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE PALERMO
SLAICOBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE - COORDINAMENTO NAZIONALE
24 AGOSTO 2016

Foggia capitanata Comunicato del Comitato Campagne in Lotta e Rete Campagne in lotta.

Oggi 22 agosto 2016 il ministro dell’(in)giustizia Orlando si è presentato alla Prefettura di Foggia per discutere di “sfruttamento e malavita” nel settore agricolo foggiano con i sindacati confederali e le organizzazioni padronali. Erano presenti anche gli assessori all’agricoltura e al bilancio della Regione Puglia. I diretti interessati, le persone che quotidianamente si spezzano la schiena nei campi e subiscono lo sfruttamento più estremo non sono stati invitati all’incontro.

Come Comitato Lavoratori delle Campagne e Rete Campagne in Lotta abbiamo deciso di presentarci lo stesso davanti alla Prefettura, per contestare il ministro e i vari responsabili che hanno, ancora una volta, perso tempo in chiacchiere vuote, invece di offrire soluzioni concrete alla condizione gravissima in cui versano i lavoratori delle campagne. Noi invece abbiamo gridato forte e chiaro che ciò di cui abbiamo bisogno non è un aumento della repressione e della presenza poliziesca, né di tendopoli che di umanitario hanno ben poco, ma la regolarizzazione di tutte le persone che lavorano nelle campagne, a partire dai documenti e dai contratti di lavoro. Chiediamo anche casa e trasporto gratuiti per gli stagionali, il minimo per combattere efficacemente e non solo a parole il caporalato.

Di fronte a tali chiare richieste non si sono nemmeno degnati di incontrarci, mentre è da settembre dell’anno scorso che, attraverso manifestazioni e scioperi, lottiamo per migliorare le nostre condizioni di vita e di lavoro. Abbiamo già incontrato più volte la prefetta, il questore e le associazioni datoriali. Abbiamo ottenuto alcune vittorie, ma anche troppe promesse che sono state, fino ad oggi, disattese. Per questo continueremo a lottare! E continueremo a denunciare l’ipocrisia delle istituzioni e del governo, che usano il caporalato come il solito specchietto per le allodole per non affrontare davvero la questione dello sfruttamento nelle campagne. Il caporalato è solo un effetto del sistema agricolo italiano contemporaneo, (dis)organizzato dalla Grande Distribuzione e dai produttori che fanno profitti astronomici sulla situazione attuale. E dovrebbero essere questi stessi soggetti a garantire ai lavoratori il minimo che spetta loro.

Invece il tema del lavoro non è stato affrontato neanche oggi, si è preferito criminalizzare ulteriormente i lavoratori agricoli. Le ultime misure di legge proposte dal governo a livello nazionale e i discorsi istituzionali sul caporalato lo inquadrano all’interno di un sistema mafioso, e l’operazione della DDA del marzo scorso al Gran Ghetto sembra confermare questo orientamento. Ma queste azioni di contrasto sono tutte rivolte alla repressione dei lavoratori che abitano le baraccopoli. Venti fogli di via, inclusi quelli emessi all’inizio di agosto, ad altrettanti lavoratori sprovvisti di permesso di soggiorno, che subiscono sulla loro pelle una condizione di miseria, ricatto e sfruttamento, che è anche il frutto amaro di leggi razziste, italiane e europee. Ecco cosa nasconde lo slogan della lotta al caporalato: la criminalizzazione dei migranti.

E che dire dell’ultima boutade di Emiliano, dove il Ghetto viene descritto come un covo di fondamentalisti islamici? Ancora una volta, la realtà supera la fantasia.

Basta prenderci in giro, basta ricatti.

Documenti e contratti!

Comitato Lavoratori delle Campagne
Rete Campagne in Lotta